La storia del vino bulgaro

(lettura 6 minuti ca.)

La viticoltura in Bulgaria risale ai tempi antichi e le tradizioni nella produzione e nella cultura del vino nel territorio bulgaro sono più antiche del paese bulgaro stesso, formato nell’anno 681 a.C. È un fatto storico che sulle terre degli antichi Traci, che popolavano il territorio della Bulgaria contemporanea, il vino costituiva una grande parte della vita quotidiana e dei riti pagani delle tribù. In effetti, la più antica viticoltura europea nacque in Tracia 5000 anni fa e i viticoltori traci furono i primi insegnanti di viticoltura in Europa. Tradizioni e metodi di vinificazione sono stati ereditati e sostenuti e per tutto ciò, molte tradizioni bulgare, leggende e altre manifestazioni di tipo folkloristico sono legate alle viti. Le canzoni nazionali lodano anche i vini e le uve e persino Omero ha scritto del famoso vino tracio nelle sue opere. Le prove del grande sviluppo della viticoltura durante il periodo dei Traci si trovano in tutto il territorio bulgaro. Ci sono numerosi monumenti e scavi archeologici sotto forma di anfore, ritoni e brocche usate per servire il vino. Tuttavia, il più grande interesse è stato posto sul tesoro d’oro di Panagyurishte, che comprende piatti d’oro per bere vino.

 

Nello sviluppo della viticoltura nel paese, ci sono stati molti periodi di fioritura, oltre a numerosi sradicamenti e distruzioni totali delle viti. Ad esempio, la coltivazione della vite fu notevole dopo l’arrivo dei romani nella penisola, tuttavia, dopo la caduta dell’Impero romano, le viti subirono gravi danni e alcune furono persino distrutte. Più tardi, durante il primo regno bulgaro, la viticoltura e l’ubriachezza si svilupparono a tal punto che Chan Krum decise di approvare una legge per la distruzione totale e lo sradicamento delle viti nel paese. Durante il Medioevo, i bogomil erano anche contrari al consumo di vino, ma la viticoltura si sviluppò ulteriormente. Insieme al cibo, il buon vino è stato anche esportato sul mercato europeo. Dopo la caduta del regno bulgaro sotto il giogo dell’Impero ottomano, che governò tra il XV e il XIX secolo, la viticoltura in Bulgaria continuò ad esistere. Sebbene fosse generalmente un periodo terribile per la produzione di vino bulgaro, alla popolazione cristiana fu permesso di produrre e consumare vino poiché questo veniva visto come una parte essenziale delle tradizioni cristiane all’interno dell’Impero. Nel corso del XVIII secolo, le tradizioni del bere furono rivitalizzate e la domanda di vini di qualità superiore emerse a causa della comparsa di una popolazione cristiana più ricca. Inoltre, i mercati di esportazione hanno iniziato a evolversi, principalmente per i vini rossi della regione del Mar Nero. Ai musulmani non era permesso consumare vino, come richiesto dal Corano, ma erano ancora amanti dei buoni vitigni da dessert e sono la ragione principale per l’attuale esistenza di uva da dessert in Bulgaria.

Dopo la liberazione della Bulgaria nel 1878, l’industria vinicola conobbe una rapida crescita e nel 1897 la superficie totale delle viti coltivate raggiunse i 115.000 ettari. Durante quel periodo, la fillossera si diffuse in Europa (Francia) e raggiunse i vigneti della Bulgaria nel 1884, evidentemente prima nella regione di Vidin. La fillossera ha distrutto la maggior parte delle piantagioni di vite originali nel paese e ha posto fine alla tradizionale viticoltura in Bulgaria. La distruzione di migliaia di ettari di viti piantate mette a rischio la viticoltura e l’industria vitivinicola della Bulgaria, ma nonostante ciò, poiché la fillossera aveva precedentemente colpito molti paesi dell’Europa occidentale, il Ministero dell’agricoltura bulgaro ha agito prontamente invitando il famoso esperto di vini francese Pierre Viala a risolvere il problema. Viala viaggiò per il paese e raccomandò la soluzione americana al problema della fillossera, che aveva dimostrato di avere successo negli altri paesi colpiti in Europa. L’esperto francese fece diverse altre raccomandazioni, che portarono all’istituzione dell’Istituto Pleven nel 1902. Il rinnovo delle viti nel paese iniziò nel 1906, ma fu fatto in una fase rapida solo dopo la fine della prima guerra mondiale.

Il più grande sviluppo della viticoltura bulgara si ebbe negli anni 1920 e 1930 con l’introduzione delle cooperative vitivinicole. Tali cooperative hanno trasformato la produzione di vino in Bulgaria da una piccola impresa privata in una base per una futura industria vinicola. All’inizio del 20 ° secolo, furono istituiti numerosi centri vinicoli, alcuni dei quali erano Lovech, Suhindol, Melnik, Plovdiv-Pazardjik, Chirpan, Pleven e Sliven. La maggior parte di queste cooperative sono state costruite attraverso competenze austriache e di altri paesi dell’Europa occidentale e avevano una capacità media da 500 a 1.500 tonnellate, mentre le aree di viti piantate nel paese raggiungevano i 200000 ettari. Dopo la rivoluzione socialista nel 1944, la produzione di vino nel paese fu monopolizzata, consolidata e trasformata in un’industria statale. Durante il regime socialista, alcune piantagioni di vite nel paese furono distrutte a causa della campagna anti-alcolismo di Mosca. Un fattore importante introdotto dal regime socialista in Bulgaria, che riflette ancora oggi sull’industria vinicola bulgara, è che esisteva una piantagione di massa di vitigni internazionali come Rkatsiteli, Merlot, Chardonnay, Sauvignon Blanc, Cabernet Sauvignon, Muscat Ottonel e Traminer. Il mercato dei vini bulgari era inizialmente limitato al quadro del blocco orientale dell’Unione del partenariato economico. Fino agli anni ’60 e ’70 gli standard erano bassi, ma poi la produzione in serie di prestigiose varietà rosse segnò il suo inizio e i vini entrarono nel mercato internazionale. Negli anni ’80, anche i vini bulgari entrarono in alcuni mercati occidentali, raggiungendo successi nel Regno Unito, in Giappone, Germania e altri, ma il 90% delle esportazioni di vino andò in Russia.

Dopo la caduta del regime socialista nel 1989, la viticoltura e la produzione vinicola della Bulgaria hanno subito grandi cambiamenti. L’industria fu liberata dal monopolio del governo e seguì un processo di privatizzazione di cantine e fabbriche di vino nel paese, che causò grandi commozioni cerebrali, licenziamenti dei dipendenti, nonché in alcuni casi chiusure e distruzioni. Nel 1991, le terre agricole furono restituite ai loro proprietari pre-1944 o ai loro eredi, il che portò ai vigneti dovuti da un numero di eredi diversi, ponendo notevoli ostacoli ai potenziali investitori. Inoltre, i produttori di vino hanno avuto il problema di controllare la qualità delle uve acquistate. La forte domanda di materie prime ogni autunno ha aumentato artificialmente il suo prezzo e la pratica più comune era quella di raccogliere prima che le uve fossero pronte, portando a un decennio durante il quale i vini bulgari avevano un netto accento “verde” nel loro gusto e aroma e perdevano la maggior parte dei loro clienti e mercati. Tuttavia, la situazione è migliorata nel 2000, con l’adesione della Bulgaria a fondi e programmi agricoli come SAPARD (programma speciale di adesione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale) e PHARE, molti investitori stranieri sono riusciti a realizzare i loro progetti per cantine e cantine moderne. Ciò ha gradualmente iniziato a cambiare il quadro generale dell’industria vitivinicola bulgara e le nuove cantine piccole, medie e grandi, perfettamente costruite e ben attrezzate, sono apparse in ogni regione viticola del paese solo per diversi anni. Con diversi altri investimenti privati ​​nel settore vitivinicolo e miglioramenti tecnologici, si può affermare che l’immagine del settore vitivinicolo bulgaro è stata completamente cambiata in modo positivo solo da oltre un decennio. Con la nuova era nel settore vitivinicolo bulgaro, c’è stata una tendenza verso le cantine di piccole e medie dimensioni e lo stile di produzione del vino è cambiato verso le tendenze del mercato moderno in tutto il mondo.